Un messaggio di Papa Francesco all’Onu, a cinque anni dalla storica visita a New York

0

Il direttore della Sala Stampa vaticana ha confermato che il Papa invierà, dopo il 22 settembre, un messaggio all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Guterres: sarà una sessione di particolare importanza

Papa Francesco parlerà all’ONU mediante l’invio di un suo messaggio. La comunicazione è del direttore della Sala Stampa della Santa Sede. Rispondendo alle domande dei giornalisti, Matteo Bruni ieri ha affermato:
“Il Santo Padre, con un suo messaggio, si rivolgerà all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, nell’ambito della High Level Week, dopo il 22 settembre”.
Guterres: rinnovo la richiesta del cessate il fuoco
L’occasione è la prossima sessione, la 75.esima, dell’Assemblea Generale dell’Onu, nella sede dell’organizzazione di New York. Nel presentare lo scorso 15 settembre l’importante appuntamento, il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha rivolto un appello ai governi perchè venga rispettata la sua richiesta di un cessate il fuoco globale entro il 2020, fatta a marzo. “Il coronavirus è oggi la principale minaccia alla sicurezza globale nel nostro mondo, questo è il motivo per cui, a marzo, ho chiesto un cessate il fuoco globale”, ha spiegato il segretario generale. Parlando con i giornalisti Guterres ha osservato che ci sono alcuni fatti positivi: “Dall’Afghanistan al Sudan – ha detto – vediamo nuovi promettenti passi verso la pace. In Siria, Libia, Ucraina e altrove, il cessate il fuoco o l’arresto dei combattimenti possono creare spazio per la diplomazia”. Ha citato poi lo Yemen dove “stiamo premendo per un cessate il fuoco e la ripresa del processo politico”.

Guterres: le minacce globali esigono una nuova solidarietà
La questione climatica e il Covid-19
Anticipando i temi che saranno oggetto dell’Assemblea, tra questi la questione climatica, Guterres ha messo in guardia sull’ eccessiva concentrazione dei gas serra, che ha provocato l’estate più calda mai registrata e incendi devastanti. Il segretario generale dell’Onu ha inoltre sottolineato l’importanza della riunione: “Quest’anno sarà fondamentale nella vita della nostra organizzazione (…) Dobbiamo continuare a rispondere all’impatto immediato della pandemia di coronavirus rafforzando i sistemi sanitari e sostenendo lo sviluppo e la distribuzione equa di cure e vaccini, ma dobbiamo anche prepararci a costruire una forte ripresa, basata sull’Agenda 2030 e sull’accordo di Parigi”.

L’apertura della sessione il 22 settembre
Il nuovo presidente eletto di questa sessione dell’Assemblea Generale è Volkan Bozkir, ambasciatore della Turchia. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, potrebbe essere l’unico capo di Stato ad arrivare di persona nel quartier generale Onu per il suo discorso di apertura del dibattito generale virtuale che sarà martedì prossimo, 22 settembre. Saranno infatti osservate tutte le misure precauzionali come il distanziamento fisico, necessarie in questo tempo di pandemia.
La visita di Papa Francesco alle Nazioni Unite
Proprio cinque anni fa, nel settembre 2015, il Papa faceva ingresso nella sede dell’Onu a New York, una tappa storica nell’ambito del suo viaggio pastorale negli Stati Uniti. In quell’occasione, ai rappresentanti di tutte le nazioni, Francesco ha rivolto un ampio discorso in cui sollecitava all’attenzione verso i poveri e nei confronti del cambiamento climatico. ”Il mondo chiede – aveva affermato – soluzioni urgenti ed efficaci”.

Fonte e immagini Vatican News

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: