Un forte dolore e la constatazione di non poter essere sull’altare per concludere il 2020 con la recita del Te Deum e aprire il 2021

0

Il direttore della Sala Stampa vaticana, Matteo Bruni, ha informato del doloroso impedimento accusato dal Papa, costretto a riposo. La celebrazione del Te Deum di oggi pomeriggio sarà presieduta dal cardinale Re, la Messa del primo gennaio dal cardinale Parolin. Domani il Pontefice reciterà l’Angelus dal Palazzo Apostolico come previsto.

Un forte dolore e la constatazione di non poter essere sull’altare per concludere il 2020 con la recita del Te Deum e aprire il 2021 con la Messa nella solennità della Madre di Dio e Giornata mondiale della pace – tranne per la preghiera dell’Angelus che lo vedrà regolarmente al suo posto.
La notizia è stata data nella tarda mattinata dal direttore della Sala Stampa vaticana, Matteo Bruni, il quale ha comunicato ai media che “a causa di una dolorosa sciatalgia le celebrazioni di questa sera e di domani mattina presso l’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana non saranno presiedute dal Santo Padre Francesco”.
Bruni ha precisato che a sostituire il Papa in San Pietro per il Te Deum, in programma oggi alle 17, sarà il cardinale Giovanni Battista Re, decano del Collegio Cardinalizio, mentre la Messa del primo gennaio 2021, con inizio alle ore 10, sarà presieduta dal cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin. “Domani, 1° gennaio 2021 – ha concluso il direttore della Sala Stampa vaticana – Papa Francesco guiderà comunque la recita dell’Angelus dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico, come previsto”.
Fonte e immagini: Vatican News

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: