SIRIA – L’Arcivescovo Hindo: “Se gli Usa attaccano l’esercito siriano, avremo una seconda Libia”

0

Hassakè – “Se l’intervento a guida Usa contro i jihadisti dello Stato Islamico finirà per rivolgersi contro l’esercito siriano, in Siria potremmo avere una seconda Libia”. Così l’Arcivescovo Jacques Behnan Hindo, titolare dell’arcieparchia di Hassakè-Nisibi, descrive le incognite e i pericoli connessi ai possibili sviluppi delle iniziative militari a guida Usa realizzate anche in territorio siriano contro le postazioni dello Stato Islamico.
In una conversazione con l’Agenzia Fides, l’Arcivescovo cattolico di rito orientale conferma che per ora le incursioni aeree dell’esercito siriano contro le postazioni dei jihadisti si sommano a quelle compiute contro gli stessi obiettivi dagli aerei Usa. Descrive poi, con toni preoccupati, la condizione incerta vissuta dalle popolazioni nella regione che comprende le città di Hassake e Qamishli, nella provincia siriana nord-orientale di Jazira. “Più di un mese fa – riferisce a Fides mons. Hindo – l’esercito siriano ha attaccato il quartiere di Hassakè dove si trovavano circa 250 militanti dello Stato Islamico, prendendone il controllo. Da allora, nei due centri abitati si vive una relativa calma. Ma le postazioni dei jihadisti sono solo a 15 chilometri da Hassakè e a una ventina da Qamishli. Se decidono di attaccare, magari coi rinforzi delle loro milizie cacciate dall’Iraq, una loro offensiva su larga scala metterebbe in pericolo la vita di quasi un milione di persone, tra cui 60mila curdi e 120mila cristiani”.
L’Arcivescovo Hindo ridimensiona anche le notizie circolate in rete su presunte “milizie cristiane” in azione nella regione: “si tratta solo di qualche centinaio di assiri, collegati in parte alle milizie curde e in parte alle truppe dell’esercito regolare. Ma è una piccola fazione che non può avere nessun peso determinante nel caso di un’escalation degli scontri armati”.

Fonte: Agenzia Fides

No comments