Papa Francesco nella Domenica del buon pastore: “Siate servi del gregge non manager”

0

Nell’odierna quarta domenica di Pasqua, detta del ‘Buon Pastore’, il Papa al Regina Coeli, ha spiegato perché Gesù si è riconosciuto in questa immagine. Quindi il monito a tutti i sacerdoti perché siano “servi” e non “manager”.

Perché Gesù si è chiamato il buon Pastore? La domanda si pone ogni anno in questa domenica – ha detto Francesco – per “riscoprire, con stupore sempre nuovo”, la definizione che Gesù dà di sé, “rileggendola alla luce della sua passione, morte e risurrezione”. Solo così  diventa “chiaro significato” di buon pastore:

“dà la vita, ha offerto la sua vita in sacrificio per tutti noi: per te, per me, per tutti. Questo è il buon pastore!”

“Cristo è il pastore vero”, “unico pastore del popolo”, “in aperta opposizione ai falsi pastori”:

“il cattivo pastore pensa a sé stesso e sfrutta le pecore; il pastore buono pensa alle pecore e dona sé stesso. A differenza del mercenario, Cristo pastore è una guida premurosa che partecipa alla vita del suo gregge, non ricerca altro interesse, non ha altra ambizione che quella di guidare, nutrire, proteggere le sue pecore. E tutto questo al prezzo più alto, quello del sacrificio della propria vita”.

Quindi l’invito a contemplare in Gesù “pastore buono”, “la Provvidenza di Dio, la sua sollecitudine paterna per ciascuno di noi”.

“Di fronte a questo amore di Dio, noi sperimentiamo una gioia immensa e ci apriamo alla riconoscenza per quanto abbiamo ricevuto gratuitamente”.

Ma contemplare e ringraziare non basta, ha raccomandato il Papa anche ai neo-sacerdoti, ordinati stamane

“Occorre anche seguire il Buon Pastore. In particolare, quanti  hanno la missione di guide nella Chiesa – sacerdoti, vescovi, Papi – sono chiamati ad assumere non la mentalità del manager ma quella del servo, a imitazione di Gesù che, spogliando sé stesso, ci ha salvati con la sua misericordia”.

Nei saluti ai fedeli, dopo la recita del Regina Coeli, Francesco, ha ricordato la beatificazione oggi in Canada di Maria Elisa Turgeon, fondatrice delle suore di Nostra Signora del Rosario di San Germano, “modello di vita consacrata a Dio e di generoso impegno al servizio del prossimo”.

“una religiosa esemplare, dedita alla preghiera, all’insegnamento nei piccoli centri della sua diocesi e alle opere di carità”.

Poi parole affettuose ai tanti pellegrini giunti a Roma specie dalla Polonia nel primo anniversario della canonizzazione di Giovanni Paolo II

“Carissimi, risuoni sempre nei vostri cuori il suo richiamo: ‘Aprite le porte a Cristo!’, che diceva con quella voce forte e santa che lui aveva”

Infine una richiesta a tutti i fedeli

“Per favore, non dimenticatevi di pregare per me”.

Fonte: Radio Vaticana

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: