Il Papa all’Angelus: rimaniamo fiduciosi nell’agire potente di Dio

0

Il Regno di Dio è come un “seme” che cresce “per forza propria”, o come un “granellino di senape” che diventa “la più grande di tutte le piante”. Lo leggiamo nelle parabole dell’odierno Vangelo di Marco e il significato, Papa Francesco nel corso della riflessione prima dell’Angelus, lo traduce in un messaggio di speranza e di fiducia per l’uomo di ieri e di oggi.

Dio sempre salva

Il lavoro del contadino che getta sul terreno un “seme” e poi al “termine della maturazione provvede al raccolto” non ha niente a che vedere con la crescita di quel piccolo seme. Così è per il Regno di Dio: “Mediante la predicazione e l’azione di Gesù” – fa notare il Pontefice – è “annunciato”, fa “irruzione nel mondo e si sviluppa” secondo “criteri umanamente non decifrabili”, perchè è “soprattutto “espressione della potenza e della bontà di Dio” e non “opera dell’uomo”. Questo insegna a ciascuno di noi a vivere come “stagioni di prova, di speranza e di attesa vigile” i momenti in cui la storia sembra contraddire il disegno del Padre celeste, fatto di “giustizia”, “fraternità” e “pace”:

Infatti, ieri come oggi, il Regno di Dio cresce nel mondo in modo misterioso, in modo e sorprendente, svelando la potenza nascosta del piccolo seme, la sua vitalità vittoriosa. Dentro le pieghe di vicende personali e sociali che a volte sembrano segnare il naufragio della speranza, occorre rimanere fiduciosi nell’agire sommesso ma potente di Dio. Per questo, nei momenti di buio e di difficoltà noi non dobbiamo abbatterci, ma rimanere ancorati alla fedeltà di Dio, alla sua presenza che sempre salva. Ricordate questo: Dio sempre salva. È il Salvatore.

La logica dell’imprevedibilità di Dio

Ma il Regno di Dio è anche come il granellino di senape, “seme piccolissimo” eppure in grado di svilupparsi fino a diventare la “più grande di tutte le piante”. “Una crescita imprevedibile e soprendente”, la definisce Francesco, da imparare a comprendere:

Non è facile per noi entrare in questa logica della imprevedibilità di Dio e accettarla nella nostra vita. Ma oggi il Signore ci esorta a un atteggiamento di fede che supera i nostri progetti, i nostri calcoli, le nostre previsioni. Dio sempre è il Dio delle sorprese. Il Signore sempre ci sorprende. È un invito ad aprirci con più generosità ai piani di Dio, sia sul piano personale che su quello comunitario.

Vatican News

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: