Oscar Romero è beato. Folla immensa a San Salvador

0

Oscar Arnulfo Romero y Galdàmez è beato. Oltre 200 mila persone, tra i quali numerosi capi di Stato, hanno partecipato sabato a San Salvador alla cerimonia di beatificazione dell’arcivescovo martire, assassinato in odio della fede il 24 marzo 1980 mentre celebrava l’eucaristia. “Un uomo di fede profonda e incrollabile speranza”, lo ha definito il card. Angelo Amato, prefetto della congregazione delle Cause dei Santi, rappresentante del Papa. La sua festa sarà il 24 marzo, giorno della morte.

Gioia incontenibile tra gli oltre 200mila fedeli

Romero è beato. E’ incontenibile la gioia delle centinaia di migliaia di fedeli radunati nell’assolata piazza del Divino Salvador del Mundo a San Salvador. Il postulatore della causa di beatificazione, mons. Vincenzo Paglia, ha ricordato pubblicamente la testimonianza luminosa dell’arcivescovo martire, ucciso durante la celebrazione eucaristica dagli “squadroni della morte” legati al governo militare perché denunciava le violenze del regime.

Sul palco la camicia celeste macchiata dal sangue.

“Con la messa odierna – ha detto mons. Paglia – si dà compimento a quella celebrazione interrotta nel sangue” e a quella dei funerali ugualmente segnati da un massacro compiuto dal fuoco aperto sui fedeli dall’esercito. Rosso, colore del martirio, il grande palco allestito per la cerimonia sul quale è stata esposta, tra le varie reliquie, accanto alla palma del martirio, la camicia celeste di Romero macchiata dal sangue; chiaro il messaggio: la morte non ha vinto.

Opzione per i poveri di Romero era evangelica, non ideologica

Il sangue dell’arcivescovo martire infatti – ha ricordato il card. Amato – quel 24 marzo 1980 si mescolò sull’altare al sangue redentore di Cristo. “Uomo virtuoso, sacerdote buono, vescovo saggio”, “amava Gesù, Maria, la Chiesa, il suo popolo”, la sua opzione per i poveri “non era ideologica, ma evangelica”. Romero – ha detto il card. Amato – resta ancora oggi conforto per i “derelitti e gli emarginati della terra”, “luce delle nazioni e sale della terra”.

Il martirio di Romero non fu un’improvvisazione

Il porporato ha ricordato che “il martirio per Romero non fu un’improvvisazione, ma il culmine di un cammino spirituale”. “Tu sei tutto, io sono nulla. Con il tuo tutto e con il mio nulla faremo molto” scriveva da giovane seminarista in una preghiera conservata nel suo diario e citata dal card. Amato che ha ricordato il cammino che da “Pastore mite e quasi timido” lo ha portato a seguito dell’uccisione di padre Rutilio, il gesuita salvadoregno, parroco dei campesinos  oppressi ed emarginati, a ricevere dallo Spirito Santo il dono della fortezza che – per sua stessa ammissione  – lo rese sempre più esplicito “nel difendere il popolo oppresso e i sacerdoti perseguitati”.

Romero non è simbolo di divisione, ma di pace e fratellanza

“La sua carità – ha concluso il card. Amato – si estendeva ai suoi persecutori ai quali predicava la conversione al bene: egli non è dunque simbolo di divisione, ma di pace, concordia e fratellanza”.

Fonte: Radio Vaticana

 

 

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: