Il Segretario di Stato Card. Parolin: “Troppe le persecuzioni contro i Cristiani nel mondo”

0

Ancora oggi “in diversi contesti tanti nostri fratelli e sorelle permangono oggetto di un odio anticristiano”. Il segretario di Stato il cardinale Pietro Parolin ha ricordato i nuovi martiri nella Messa organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio.

Sono persone come noi, stesse paure e debolezze, eppure sembrano “eroi lontani dai nostri limiti e dalle nostre contraddizioni”. Sono i cristiani che vivono in Paesi dove dichiararsi cristiano lo si fa a rischio della vita. Il cardinale Pietro Parolin cita una ormai famosa omelia di Papa Francesco a Santa Marta un anno fa, quando disse che anche nel “nel XXI secolo, la nostra Chiesa è una Chiesa di martiri”. “In diversi contesti – ripete il segretario di Stato – tanti nostri fratelli e sorelle permangono oggetto di un odio anticristiano. Non vengono perseguitati perché a essi viene conteso un potere mondano, politico, economico o militare, ma propriamente perché – dice – sono testimoni tenaci di un’altra visione della vita, fatta di abbassamento, di servizio, di libertà, a partire dalla fede”. La geografia delle persecuzioni, elenca, è vasta: Nigeria, Pakistan, Indonesia, Iraq, Kenya, Tanzania, Repubblica Centroafricana. E non sono solo i cattolici, ma anche ortodossi, evangelici e anglicani a sopportare l’onere della coerenza per amore di Gesù. “I testimoni della fede – disse una volta Giovanni Paolo II – non hanno considerato” il “proprio benessere, propria sopravvivenza come valori più grandi della fedeltà al Vangelo”. Ringraziamoli – conclude mons. Parolin – per il fatto di restare “nonostante le minacce e le intimidazioni” per far “conoscere ovunque il nome del Signore Gesù, vera origine della globalizzazione dell’amore”.
Fonte: Radio Vaticana

No comments