Il Papa: “Non vivere e pregare come se Dio e i poveri non esistessero”

0

Nella catechesi dell’udienza generale, Papa Francesco conclude la riflessione sui Salmi, inserita nel ciclo sulla preghiera, e sottolinea che il Salterio ci insegna ad invocare Dio per noi, ma anche per i fratelli e per il mondo. E spiega le precauzioni dovute alla pandemia, che non gli permettono di scendere a salutare i fedeli

I salmi ci insegnano a pregare in prima persona, per noi stessi, ma anche per la salvezza dei fratelli e del mondo e ci possono aiutare a vincere la tentazione dell’”empietà”, “cioè di vivere, e forse anche di pregare, come se Dio non esistesse, e come se i poveri non esistessero”. Così Papa Francesco completa la catechesi sui Salmi iniziata mercoledì scorso e inserita nel ciclo sulla preghiera, in un’aula Paolo VI dove la presenza dei fedeli è limitata e in sicurezza, secondo le norme anticontagio dovute alla pandemia.

Non posso salutarvi da vicino, ma siamo vicini
Nell’introduzione, il Papa spiega di non poter scendere tra i pellegrini per salutarli “perché succede che ogni volta che io mi avvicino, voi venite tutti insieme e si perde la distanza e c’è il pericolo per voi del contagio”, “ma sappiate che io sono vicino a voi con il cuore”. Riferendosi poi ad un bambino che piangeva durante le letture iniziali, chiede di non fermare quel piccolo lamento, nemmeno in Chiesa “perché è la voce che attira la tenerezza di Dio” su di noi e con noi.

La preghiera: salvezza dell’essere umano
L’ “empio”, chiarisce Francesco, che nei salmi compare come figura negativa, “è la persona senza alcun riferimento al trascendente, senza alcun freno alla sua arroganza, che non teme giudizi su ciò che pensa e ciò che fa”. Viene usato come esempio di tutto quello che la vera preghiera non deve essere, presentandola invece “come la realtà fondamentale della vita”

Il riferimento all’assoluto e al trascendente – che i maestri di ascetica chiamano il “sacro timore di Dio” – è ciò che ci rende pienamente umani, è il limite che ci salva da noi stessi, impedendo che ci avventiamo su questa vita in maniera predatoria e vorace. La preghiera è la salvezza dell’essere umano.

La falsa preghiera, fatta solo per farsi ammirare
La preghiera fasulla, prosegue il Pontefice, è invece quella “fatta solo per essere ammirati dagli altri”, che Gesù ha più volte criticato. E’ quella di coloro “che vanno a messa soltanto per far vedere” che ci vanno, “che sono cattolici, o per far vedere l’ultimo modello che hanno acquistato, per fare buona figura sociale”. Quelli che pregano “stancamente, in maniera abitudinaria, come i pappagalli”. Ma quando “il vero spirito della preghiera è accolto con sincerità e scende nel cuore, allora essa ci fa contemplare la realtà con gli occhi stessi di Dio”.

Pregando, anche i fratelli diventano importanti
Pregando così, per Papa Francesco “ogni cosa acquista spessore”, peso “come se Dio la prende in mano e la trasforma”.
La preghiera è il centro della vita. Se c’è la preghiera, anche il fratello, la sorella, diventa importante. Anzi, anche i nemici. Un antico detto dei primi monaci cristiani così recita: «Beato il monaco che, dopo Dio, considera tutti gli uomini come Dio». Chi adora Dio, ama i suoi figli. Chi rispetta Dio, rispetta gli esseri umani.

Non è un calmante, la vera preghiera responsabilizza
Per questo, continua il Papa, “la preghiera non è un calmante per attenuare le ansietà della vita; o, comunque, una preghiera di tal genere non è sicuramente cristiana”. Piuttosto, ricorda, “la preghiera responsabilizza ognuno di noi. Lo vediamo chiaramente nel “Padre nostro”, che Gesù ha insegnato ai suoi discepoli”. E in questo, il Salterio, la raccolta dei salmi, è una grande scuola. Il salmista non usa sempre “parole raffinate e gentili”, e spesso si sentono “le cicatrici dell’esistenza”. Eppure, anche le preghiere “più intime e personali”, sono state usate prima nel Tempio e poi nelle sinagoghe. Lo ricorda anche il Catechismo: “Le espressioni multiformi della preghiera dei salmi nascono ad un tempo nella liturgia del Tempio e nel cuore dell’uomo”.

La preghiera dall’ombra di una chiesa alle strade
In questo modo, ribadisce Francesco, “la preghiera personale attinge e si alimenta da quella del popolo d’Israele, prima, e da quella del popolo della Chiesa, poi”. E i salmi, scritti in prima persona, “che confidano i pensieri e i problemi più intimi di un individuo, sono patrimonio collettivo, fino ad essere pregati da tutti e per tutti”.

La preghiera dei cristiani ha questo “respiro”, questa “tensione” spirituale che tiene insieme il tempio e il mondo. La preghiera può iniziare nella penombra di una navata, ma poi termina la sua corsa per le strade della città. E viceversa, può germogliare durante le occupazioni quotidiane e trovare compimento nella liturgia. Le porte delle chiese non sono barriere, ma “membrane” permeabili, disponibili a raccogliere il grido di tutti.

Pregare per i deboli e per il futuro dell’uomo
Nella preghiera del Salterio, chiarisce Francesco, il mondo è sempre presente. Si da’ voce “alla promessa divina di salvezza dei più deboli”, quando il salmi recita “ecco, mi alzerò – dice il Signore – metterò in salvo chi è disprezzato”. Si ammonisce sul pericolo delle ricchezze mondane, perché “l’uomo nella prosperità non comprende, è come gli animali che periscono”. O, ancora, i salmi “aprono l’orizzonte allo sguardo di Dio sulla storia”, ricordando che il Signore “rende vani i progetti dei popoli. Ma il disegno del Signore sussiste per sempre, i progetti del suo cuore per tutte le generazioni”.

Non si può pregare Dio e non amare il fratello
Insomma, conclude il Pontefice, “dove c’è Dio, ci dev’essere anche l’uomo”. Lo ricorda con forza la Sacra Scrittura: “Noi amiamo perché egli ci ha amati per primo. Lui ci aspetta sempre”. E’ un bugiardo chi dice: “Io amo Dio” e odia suo fratello. “Se tu preghi tanti rosari al giorno ma poi chiacchieri sugli altri, e poi hai rancore dentro, hai odio contro gli altri, questo è artificio puro, non è verità”.

Non vedere l’altro come immagine di Dio, è ateismo pratico
La Scrittura “ammette il caso di una persona che, pur cercando Dio sinceramente, non riesce mai a incontrarlo; ma afferma anche che non si possono mai negare le lacrime dei poveri, pena il non incontrare Dio”.

Dio non sopporta l’“ateismo” di chi nega l’immagine divina che è impressa in ogni essere umano. Quell’ateismo di tutti i giorni: io credo in Dio ma con gli altri distanza e mi permetto di odiare gli altri. Questo è ateismo pratico. Non riconoscere la persona umana come immagine di Dio è un sacrilegio, è un abominio, è la peggior offesa che si può recare al tempio e all’altare.

L’empietà é vivere come se Dio e i poveri non ci fossero
La preghiera dei salmi ci aiuti, è l’auspicio finale di Papa Francesco, “a non cadere nella tentazione dell’ ‘empietà’, cioè di vivere, e forse anche di pregare, come se Dio non esistesse, e come se i poveri non esistessero”.

Fonte e immagini: Vatican News

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: