Il Papa a due Fondazioni elvetiche: “Esempio di fraternità e solidarietà”

0

Papa Francesco ha incontrato oggi in Vaticano i membri delle due Fondazioni elvetiche sorte per offrire sostegno economico, materiale e tecnico alla Guardia Svizzera Pontificia. Occasione dell’udienza, l’inaugurazione ufficiale della nuova sede della Centrale operativa, alla cui realizzazione le Fondazioni hanno generosamente contribuito.
Il Papa ha espresso riconoscenza per la loro collaborazione nei confronti del Corpo della Guardia Svizzera, del suo Comando e con le competenti Autorità vaticane. “Nello svolgimento della vostra attività, ha detto, voi esprimete lo spirito comunitario e solidale tipico della presenza dei cattolici nella società. Tale atteggiamento trova la sua radice nel richiamo evangelico dell’amore al prossimo e favorisce il superamento delle differenze e delle tensioni sociali tra i diversi gruppi”.
La vostra opera, ha proseguito Francesco, testimonia concretamente gli ideali evangelici e, nel tessuto sociale svizzero, è esempio di fraternità e di condivisione. Per il cristiano, ha poi ricordato, l’amore al prossimo si fonda sull’amore verso Dio così che, attraverso la sua dedizione, gli altri possono sperimentare la tenerezza del Padre.
“Per dare amore ai fratelli, ha sottolineato il Papa, occorre infatti attingerlo dalla fornace della carità divina, mediante la preghiera, l’ascolto della Parola di Dio e il nutrimento della santa Eucaristia. Con questi riferimenti spirituali, è possibile operare nella logica della gratuità e del servizio”.
Ringraziando ancora l’opera delle due Fondazioni, con i loro presidenti, Jean Pierre Roth e Pascal Couchepin, Francesco coglie l’occasione per ribadire l’apprezzamento per la presenza discreta, professionale e generosa di tanti giovani svizzeri “che decidono di spendere alcuni anni della loro vita al servizio della Chiesa e della Santa Sede”, presenza “tanto utile per il buon andamento delle attività del Vaticano”.
Proprio oggi la Chiesa ricorda il Patrono delle due istituzioni elvetiche, San Nicola di Flüe, di cui ricorre il sesto centenario della nascita.

Radio Vaticana

No comments