Gesuiti e buddisti in dialogo

0

Gesuiti provenienti da diverse parti del mondo, si sono riuniti recentemente in Cambogia per dialogare con i monaci buddisti su tre livelli: accademici, spirituali e pratici. Questo approccio olistico al dialogo interreligioso è quello che è stato scelto nel corso degli anni durante i consueti workshop cristiano-buddista della Conferenza dei gesuiti dell’Asia Pacifico.

Un appuntamento che offre, inoltre, un’opportunità per “la rete, l’amicizia e la comunione tra i gesuiti impegnati in studi e dialoghi buddisti”, come ha scoperto padre Jaroslav Duraj, un gesuita polacco con sede a Macao, che ha partecipato per la prima volta all’iniziativa. Il seminario di quest’anno a Siem Reap, ha visto 16 gesuiti provenienti da Corea, Filippine, Stati Uniti, Giappone, India, Cina, Thailandia, Nepal e Myanmar. Con loro quattro monaci buddhisti cambogiani, un ex gesuita attivista buddista, un ex monaco buddista e un sacerdote di Maryknoll.

P. Jerry Cusumano SJ dell’Università Sophia in Giappone ha parlato degli esercizi Zen e di quelli di sant’Ignazio di Loyola, mostrando come Zen ed Esercizi si completino piuttosto che contraddirsi. Bernard Senecal SJ dell’Università Sogang, in Corea del Sud, nella relazione “Cristo come il Risvegliato” ha descritto il buddismo e il cristianesimo come religioni del risveglio. Ha indicato le esperienze mistiche di Cristo, i tempi di preghiera e la docilità allo Spirito Santo come prova della sua illuminazione. Thierry Meynard SJ dell’università Sun Yat-Sen di Guangzhou, Cina, ha presentato “Oltre l’esclusivismo religioso: gli attacchi dei gesuiti contro il buddismo e il rifiuto di Xu Dashou del 1623”, esaminando la dinamica della concorrenza religiosa in Asia evocata dal cristianesimo nel XVI e XVII secoli.

“I colloqui di Jerry Cusumano e Bernard Senecal mi hanno aiutato ad avere una comprensione più profonda della nostra spiritualità e della nostra tradizione, a essere più radicato. E allo stesso tempo più aperto all’altro, specialmente al buddismo e allo Zen “, ha condiviso Fr Mathew Cyril SJ della provincia di Madurai. Il quale ha anche trovato la presentazione di padre Meynard molto informativa e educativa. “La domanda che mi è venuta in mente è: può il cristianesimo diventare una religione inclusiva, accogliere e rispettare altre fedi e credere? Sarebbe un grande passo verso la pace e la fratellanza nel mondo “.

No comments