EL SALVADOR – I Vescovi chiedono una legge per proteggere il territorio dallo sfruttamento minerario

0

San Salvador – I Vescovi salvadoregni hanno chiesto all’Assemblea Legislativa di emanare una legge per vietare l’estrazione dei metalli in questo paese centroamericano che continua ad essere preso di mira da compagnie minerarie transnazionali.
Durante una conferenza stampa, l’Arcivescovo di San Salvador, Sua Ecc. Mons. José Luis Escobar Alas, ha sollecitato il nuovo disegno di legge, sostenuto dalla Caritas di El Salvador e dall’Università CentroAmericana Jose Simeon Cañas (UCA). “La legge mineraria che abbiamo è estremamente obsoleta e ci mette in grave pericolo, fa diventare vulnerabile la nazione” ha detto il Presule secondo le informazioni pervenute a Fides.
La nota ricorda che, dopo una lunga disputa, El Salvador ha vinto ad ottobre 2016 la causa contro la società Oceana Gold (prima era la Pacific Rin), che aveva citato in giudizio lo Stato salvadoregno perché negava i permessi di estrazione, chiedendo un risarcimento di 250 milioni di dollari per la perdita di guadagni potenziali.
Su questo tema, la Chiesa locale ha sempre sostenuto la difesa del territorio dinanzi allo sfruttamento delle miniere di metalli preziosi: “Una simile attività è inaccettabile, poiché provoca un danno irreversibile alle persone e all’ecosistema” scrivevano i Vescovi già nel 2008 (vedi Fides 25/01/2008).
Secondo le Nazioni Unite, El Salvador ha il più alto grado di degrado ambientale nella regione dopo Haiti, con solo il 3% della foresta naturale vergine e terreni rovinati da pratiche agricole inappropriate. Un sondaggio della UCA del 2015, ha dimostrato che il 79,5% della popolazione dei comuni più minacciati dalla estrazione dei metalli, considera El Salvador non adeguato per questo settore. Inoltre il 77% della popolazione esige dal governo che prenda misure immediate per vietarla.

Fonte: Agenzia Fides

No comments