Dolore del Papa per le suore uccise in Burundi

0

Profondo dolore per l’uccisione di tre missionarie saveriane in Burundi è stato espresso da Papa Francesco in due telegrammi — a firma del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin — indirizzati rispettivamente a monsignor Evarist Ngoyagoye, arcivescovo di Bujumbura, e a madre Ines Frizza, superiora generale della congregazione femminile. Del primo telegramma diamo di seguito una nostra traduzione dal francese.

Sua Santità Papa Francesco ha appreso con commozione dell’uccisione di tre religiose, suor Bernardetta Bogianni, suor Lucia Pulici e suor Olga Raschietti, che erano in servizio pastorale nella parrocchia San Guido Maria Conforti a Bujumbura. Il Santo Padre chiede al Signore di accogliere nella sua dimora di pace e di luce queste tre religiose fedeli e devote. In questa tragica circostanza esprime la sua vicinanza alla loro comunità religiosa, alle loro famiglie, nonché a tutta la comunità diocesana. In pegno di conforto, imparte di tutto cuore a lei, come pure a tutte le persone colpite da queste brutali scomparse, un’affettuosa Benedizione apostolica. Mi unisco alle condoglianze del Santo Padre e desidero assicurare della mia fervente preghiera le persone vicine alle sorelle defunte.

E questo è il testo del telegramma alla superiora delle missionarie saveriane.

Profondamente colpito dalla tragica morte delle missionarie saveriane uccise in Burundi, il Santo Padre desidera assicurare la sua viva partecipazione al profondo dolore di codesta congregazione per la grave perdita di così zelanti religiose e, mentre auspica che il sangue versato diventi seme di speranza per costruire l’autentica fraternità tra i popoli, eleva fervide preghiere di suffragio per le generose testimoni del Vangelo e di cuore imparte ai familiari, all’intero istituto e quanti ne piangono la scomparsa, la confortatrice benedizione Apostolica.

Il cardinale Parolin ha voluto esprimere anche personalmente il proprio cordoglio stamane, lunedì 8 settembre, durante la messa celebrata nella basilica di Monte Berico a Vicenza in occasione della festa della natività della beata Vergine Maria, patrona della diocesi. All’omelia il segretario di Stato ha infatti ricordato «in modo particolare le tre suore che sono state uccise in Burundi».

Fonte: news.va

No comments